Sei in: Mondo Horeca | Attualità
Assoenologi: 120 anni dedicati al vino

martelli.jpg

Assoenologi festeggia un compleanno di tutto riguardo: 120 anni. Ma come dice Giuseppe Martelli, direttore di Assoenologi, gli anni sono 120 (questa è l’organizzazione di categoria più antica del mondo), ma c’è voglia di guardare al futuro.

E di futuro si è parlato al Congresso n. 66 ad Orvieto, del futuro del vino italiano in particolare, nei  suoi tre mercati esteri più importanti: Stati Uniti, Cina e Russia.

Gli USA sono un grande bacino di consumatori per l’Italia, (che qui  è leader dell’export), ma ci sono grandi margini di miglioramento: il 75% del vino consumato, infatti, è ancora californiano, il consumatore beve ancora relativamente poco (9 litri pro capite) e il prezzo medio finale di una bottiglia italiana è di 7 dollari.

Gli aspetti che frenano l’ulteriore ascesa del vino italiano in America è la diminuzione del numero dei distributori, passati da 7.000 a 700 in 20 anni e la legislazione diversa in ognuno dei 50 Stati.

Anche la Russia è un’area dove l’export del vino italiano può crescere ancora, soprattutto in valore: su 350 milioni di bottiglie italiane consumate, 240 sono nella fascia di prezzo tra i 3 e i 7,5 euro.

E infine c’è la Cina, altro mercato su cui puntare anche attraverso l’incentivazione del turismo, vera pubblicità per i nostri vini.


12/07/2011

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS