Sei in: Vini & Co | Eno news
Vino: in Russia il prezzo disincentiva la domanda

mercato_vino_russia.jpgNegli ultimi dieci anni il settore import di vino in Russia è cresciuto.

Dal 2001 molte nazioni hanno venduto in questa “piazza” crescenti quote di prodotto: la Spagna ha incrementato la sua quota nel mercato delle importazioni dall’1 al 15,2 %, mentre la Francia dal 5,6 % è diventata l’attuale leader di mercato, con il 21,9 %.

Tuttavia, gli operatori del settore lamentano delle difficoltà: in primis la leva del prezzo, problema che ostacola un’ ulteriore crescita dei consumi.

 

Vadim Drobiz, direttore del Centro ricerche di mercato per la produzione federale e regionale di alcolici spiega: «Il basso livello dei salari mensili costituisce un altro ostacolo importante alla crescita del settore del vino. A causa delle differenze nel livello dei salari medi, il vino in Russia è quattro o cinque volte più costoso che in Europa».

 

Dunque il vino in Russia costa troppo: i rivenditori in più rincarano il prezzo finale a danno del consumatore e questo disincentiva la crescita della domanda. Ad esempio un vino italiano del valore di 7 euro può trovarsi nei negozi russi all’esorbitante prezzo di 80 euro.

I negozi e i ristoranti in media fanno lievitare il prezzo originario di quattro volte, cosa che fa deprime la domanda a vantaggio di altri alcolici come la birra che nei primi mesi del 2011 ha raggiunto gli 8,2 miliardi di litri venduti (il vino, invece ha registrato solo 700 milioni di litri).


03/02/2012

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS