Sei in: Vini & Co | Eno news
L’industriale veneto della moda Giuseppe Peretti acquista a Montalcino l’Azienda Agricola Ridolfi

Giuseppe-Peretti.jpgNon è la prima volta che un industriale della moda approda nel settore del vino. È questo il caso dell’imprenditore veneto Giuseppe Peretti che, spinto dalla passione per i vini toscani, dopo l`acquisito della storica Tenuta Rocchetto nel Chianti Docg, ha acquisito di recente la Tenuta Ridolfi a Montalcino, per continuare ad investire su vini importanti al di fuori delle mode e del tempo, con produzioni limitate e di alto valore aggiunto.

 

Ridolfi.jpgIn un momento di crisi finanziaria come quello attuale, in cui molti settori sono in difficoltà, c’è ancora voglia di investire nel vino; il settore enologico, può essere ancora una valida soluzione che sa entusiasmare gli animi e appagare le esigenze degli investitori. Anche in Veneto l’industriale della moda, Giuseppe Peretti, già proprietario in Toscana della storica Tenuta Rocchetto a Larciano, nel Chianti Docg, ha acquisito di recente l’azienda agricola Ridolfi a Montalcino sulla Strada del Brunello, per complessivi 54 ettari di cui 21 coltivati a vigneto.

La Tenuta Rocchetto che si estende su 22 ettari di cui 5 a vigneto e 11 ad ulivo fu acquistata da Giuseppe Peretti qualche anno fa, è situata in collina su terreni di arenarie quarzoso-feldspatiche con galestro e argilla e dove si produce il Rosso di Toscana Igt Viepre, dall’antico nome dell’omonima tenuta e il Chianti Docg Rocchetto. Il Viepre ottenuto dalle varietà storiche Sangiovese e Colorino, vuole valorizzare con la sua complessità ed eleganza la tradizione vitivinicola del territorio. Le uve sono rigorosamente raccolte a mano e la coltivazione nel massimo rispetto della natura in conversione biologica. La densità di impianto -ritenuta ottimale in funzione delle peculiarità del terreno e del clima locale - è di 5.000 piante per ettaro e la produzione di uva, a regime, di circa 800 gr. a pianta (40 q.li per ettaro), dopo una preselezione dei grappoli effettuata durante l’estate e, se necessario, una seconda in prossimità della vendemmia. I vigneti sono allevati limitando severamente, da sempre, l’uso di sostanze chimiche, quindi in maniera assolutamente naturale. Ogni operazione in vigna è eseguita rigorosamente a mano, compresa la vendemmia dove l’uva è raccolta esclusivamente in piccole cassette forate, al fine di preservarne l’integrità, per poi essere diraspata in maniera altrettanto accurata, lasciando gli acini integri.

Montalcio.jpgMentre l`azienda agricola Ridolfi, acquisita di recente, si trova a Montalcino in zona collinare a 300 metri di altitudine, e i cui vigneti si estendono a ridosso della celebre Strada del Brunello. La tenuta conta 16 ettari, di cui oltre 9 destinati alla produzione di Brunello di Montalcino Docg e Riserva Docg e i restanti a Rosso di Montalcino Doc. Anche in questa tenuta tutta la filiera produttiva vuole valorizzare la tradizione, pur non rinunciando all`utilizzo delle moderne tecnologie, partendo anche qui dalla raccolta manuale delle uve per arrivare all`affinamento in botti di rovere da 25 ettolitri. A proposito di questo suo recente investimento a Montalcino, Giuseppe Peretti dichiara: “in un momento di grandi cambiamenti ed incertezze, ho pensato che continuare ad investire sul vino anche per diversificare gli investimenti fosse un’ottima soluzione” - e continua - “ho rilevato questa tenuta a Montalcino, perché è patria di grandi vini rossi d’autore, con il fine di dare continuità alla filosofia produttiva dei precedenti e storici proprietari e di poter esprimere la tipicità di questa florida terra al fine di esportare l’unicità del Brunello nei mercati internazionali”. Per raggiungere ambiziosi traguardi, Giuseppe Peretti ha voluto al suo fianco un nuovo team giovane e fortemente motivato: Andrea Carpi di A.C. Marketing & Trade, società che da anni si occupa del posizionamento di vini pregiati nei mercati internazionali, l’agronomo Maurizio Saettini e l’enologo Leonardo Conti, entrambi toscani, che avranno il compito di lavorare costantemente nel rispetto delle tradizioni di questo eccellente angolo di territorio. I primi successi internazionali sono già arrivati: al Brunello di Montalcino 2007 sono da poco state attribuite due medaglie d’argento all’International Wine Challenge 2012 di Londra e da Decanter World Wine Awards 2012, che si è tenuto lo scorso 24 maggio alla London International. Prestigiosi riconoscimenti anche alle degustazioni di Brunello organizzate da James Suckling che hanno raggiunto un punteggio 90/100 e nella rivista svizzera Merum. Il Rosso di Toscana Igt Viepre si è appena aggiudicato un tender in una delle principali compagnie di crociere statunitensi.

 

www.ridolfimontalcino.it


21/06/2012

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS