Sei in: Mondo Horeca | Attualità
Imballaggi bevande, svizzeri virtuosi

riciclaggio.jpgSecondo l’ordinanza sugli imballaggi per bevande (OIB), per evitare l’introduzione di una tassa di smaltimento anticipata, la quota di riciclaggio degli imballaggi in vetro, alluminio e PET deve essere pari ad almeno al 75%. Stando alla statistica pubblicata il 16 luglio dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), anche nel 2011, come negli anni precedenti, detta quota è stata ampiamente superata sia per il vetro (94%) che per le lattine in alluminio (91%) e il PET (81%).

 

La valorizzazione degli imballaggi di bevande in vetro perso, PET e alluminio consente di risparmiare energia e risorse naturali. Per questo motivo, l`ordinanza sugli imballaggi per bevande (OIB) sancisce che questi imballaggi vengano raccolti e riciclati e che la Confederazione introduca una tassa di smaltimento anticipata nel caso in cui non venga raggiunta una quota minima di riciclaggio pari al 75 per cento. Nel 2011 questa quota è stata ampiamente superata.

 

Nel 2011 il consumo di imballaggi per bevande in PET, alluminio e vetro è stato pari a 315.383 tonnellate, con un aumento del 3% rispetto al 2010. Il 92% di detti rifiuti è stato raccolto e riciclato. Questo successo è da ricondursi all`abitudine consolidata, in Svizzera, di fare la raccolta differenziata e alla partecipazione di tutti gli attori coinvolti nel riciclaggio: popolazione, Comuni, organizzazioni incaricate della raccolta e commercio al dettaglio. Restano tuttavia delle sfide da cogliere. Per evitare l`abbandono degli imballaggi negli spazi pubblici (il cosiddetto «littering») occorre organizzare regolarmente delle campagne di sensibilizzazione destinate ai consumatori. PET-Recycling Svizzera, VetroSwiss e IGORA, le organizzazioni incaricate della raccolta degli imballaggi per bevande sono molto attive in questo ambito. Migliorano sempre la loro rete di raccolta e organizzano periodicamente delle campagne mirate per spingere i consumatori a depositare gli imballaggi per bevande nei contenitori previsti a questo scopo.

 

La quota di imballaggi per bevande riutilizzabili, come ad esempio le bottiglie in vetro, ha registrato un`ulteriore diminuzione, passando nel 2011 dal 47% al 44% per il settore delle birre e dal 16 per cento al 14 per cento per quello delle acque minerali. Queste cifre rispecchiano una diminuzione del consumo nei luoghi pubblici a favore del consumo privato. Infatti, gli imballaggi per bevande riutilizzabili sono impiegati in particolare nel settore della ristorazione.

 

Il PET viene riciclato sia in Svizzera che all`estero. L`esportazione di bottiglie in PET non è soggetta ad autorizzazione secondo l`ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif). L`ordinanza sugli imballaggi per bevande (OIB) prevede tuttavia che gli esportatori comunichino all`UFAM le quantità esportate. Negli ultimi anni vi sono stati casi di esportazioni non annunciate o annunciate in modo scorretto. Al fine di censire nel modo più completo possibile le quantità di bottiglie in PET riciclate, l`UFAM ha ricordato di recente detto obbligo alle imprese che potrebbero esportare direttamente il PET.


16/07/2012

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS