Sei in: Vini & Co | Eno news
Biologico: la norma è perfezionabile

vino_biologico.jpgIl nuovo Regolamento 203/12 sul vino biologico, dalla sua pubblicazione, ha mosso da una parte entusiasmi, dall’altra critiche, sicuramente ha accesso da subito un vivace dibattito nel mondo del vino. È fuor di dubbio che abbia colmato un vuoto legislativo: prima della sua pubblicazione le uve da agricoltura biologica arrivavano in cantina aspettando un destino incerto: potevano essere trasformate seguendo tecniche di ispirazione biologica, oppure potevano essere vinificate come una qualsiasi uva.

 

Ora, con la nuova norma è possibile parlare non di vino da uva biologica, ma di "vino biologico”, il che è diverso, perché questa dicitura coinvolge anche le tecniche di vinificazione, non solo la fase di coltivazione delle uve. A delucidare molti aspetti tecnici della nuova norma è stato il convegno "Vino biologico: il nuovo regolamento europeo", organizzato dall`Associazione Veneta dei Produttori Biologici e Biodinamici.

La legge sul vino biologico, come ha spiegato nel convegno Massimo Lanza (Vin & Organic Product) permette di aggiungere al vino tre caratteristiche, tre valori da comunicare al consumatore: salvaguardia del territorio, tutela delle persone, salubrità (del prodotto e dell`ambiente). Tuttavia, la nuova norma ha i suoi “ma”, come ha mostrato, sempre nel convegno, Cristina Micheloni, dell`AIAB. I ma stnno nella vinificazione e soprattutto nell’uso delle componenti solforose.

 

Come molti già sanno alcuni Paesi imbottigliatori di grossi volumi di vino, rivendicando climi più freddi, hanno sostenuto la necessità di usare più sostanze rispetto ai valori proposti dai Paesi mediterranei. Fatto sta, alla fine della giostra fra i paesi produttori e imbottigliatori, che la vinificazione biologica, oggi, poco differisce in realtà da quella convenzionale; i coadiuvanti e gli additivi rimossi sono pochi: DMDC, PVPP, mannoproteine, CMC, lisozima non potranno essere utilizzati, ma altre sostanze sì, come la solforosa (ridotta solo di un 30% circa).

La nuova legge vieta dealcolazioni, desolforazioni e elettrodialisi, ma concede il trattamento termico e la microfiltrazione. Pare quindi che dopo anni la legge non sia per molti soddisfacente e necessiti di altre restrizioni per ottenere un vino ottenuto seguendo standard più restrittivi.


08/08/2012

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS