Sei in: Mondo Horeca | Attualità
Liquori contraffatti, si rischia la sospensione della licenza

liquori.jpgIl barista che serve un cibo o una bevanda contraffatta commette un reato. Sempre più crescente in Italia il fenomeno della contraffazione alimentare, secondo i dati raccolti dalla Camera di Commercio di Torino che ha svolto un’indagine su imprese, attività commerciali e famiglie.

Il problema è stato sollevato dall’azienda pugliese Borsci Liquori, produttrice dell`Elisir San Marzano. Di tale amaro, sono state messe in commercio bottiglie con etichetta e marchio falsi. A tal proposito la Borsci ha pensato bene di creare un filo diretto con i consumatori, sia telefonicamente che attraverso la posta elettronica, per ricevere segnalazioni su casi sospetti di contraffazione.

La contraffazione consiste nella creazione di un prodotto che all’apparenza assomiglia all’originale, utilizzando in maniera fraudolenta sia i marchi che i nomi. Ma per contraffazione non si intende solo la falsificazione del prodotto, ma prevede anche altri casi come la frode commerciale, la frode sanitaria nonché la sofisticazione del prodotto. Le pene in questi casi sono severe: per la frode in commercio si rischia anche la sospensione della licenza.


15/12/2010

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS