Sei in: Vini & Co | Eno news
Vino: secondo Winenews nel 2012 fatturati per export +4%

Il 76% delle aziende vinicole più importanti d`Italia archivia il 2012 con un bilancio positivo, registrando, per il 2012, una previsione al rialzo dei fatturati, che, in media, si attesta su un +4% sul 2011.

 

CINA-VINO.jpgFuturo a tinte tendenzialmente vivaci, nonostante una situazione economica ancora agitata, per il 95% delle cantine tricolori che esprime un "sentiment" positivo anche per il 2013. Almeno così la pensano 30 tra le realtà enologiche più importanti d`Italia per storia, immagine e per volume d`affari (e che, complessivamente, rappresentano un fatturato di 2 miliardi di euro, piu` del 20% del "fatturato vino" complessivo del nostro Paese), sondate da www.winenews.it, uno dei siti di comunicazione più cliccati del mondo del vino italiano.

Lo scivolone dei consumi interni (ormai ben al di sotto della soglia "psicologica" dei 40 litri procapite) ha aperto qualche crepa nel muro, ma la solidità imprenditoriale del mondo del vino tricolore non è in discussione. Soprattutto grazie alla forza dell`export che, a chiusura 2012, dovrebbe attestarsi tra 4,6 e 4,7 miliardi di euro (record storico), con volumi intorno ai 21-21,5 milioni di ettolitri (stime su dati Istat). Il comparto del vino made in Italy sembra, insomma, saldamente agganciato a quei beni, come la moda, per fare l`esempio più macroscopico, che continuano a rappresentare, peraltro con una confortante continuità temporale, il meglio dell`offerta del made in Italy nel mondo e quella dall`appeal più irresistibile, malgrado la congiuntura sfavorevole.

 

Un ottimismo ulteriormente confermato dal 38% delle aziende sondate da WineNews che "sentono", senza se e senza ma, molto positivo il 2013 e da un 57% comunque moderatamente ottimista: un "penso positivo" ormai, e probabilmente con qualche riflessione da operare sul piano strategico complessivo, determinato sempre più inequivocabilmente dall`export. Un "peso" quasi totalizzante, visto che, per il 95% del campione, il 2012 è stato un anno all`insegna delle crescenti vendite fuori dai confini nazionali, con un +13% sul 2011, in media, in termini di aumento di fatturato.

Le performance più interessanti per le 30 aziende che fatturano insieme 2 miliardi di euro giungono nel 57% dei casi dalle vendite negli Stati Uniti, mercato storicamente di riferimento per il vino italiano, maturo secondo alcuni, ma che ha ribadito il suo ruolo fondamentale per le etichette del Bel Paese, nonostante la crisi che anche da New York a Los Angeles ha colpito forte. Si tratta di un mercato in cui il consumo di vino è ancora basso e, nonostante quello che si possa pensare, esistono dei margini di crescita ulteriori. In più, il vino italiano è sugli scaffali e nei ristoranti d`Oltreoceano ben posizionato e possiede una rete "culturale" e commerciale ormai consolidata. Un altro Paese dell`aria nord americana, il Canada, rappresenta per il 47% delle aziende sondate un terminale decisamente interessante. Il 38% del campione individua nella Russia un mercato in crescita e dalla domanda reattiva, specialmente nel "gioco" dei brand del luxury wine.

 

Torna a far parlare di sè il Giappone (per il 28% delle cantine) un mercato che, probabilmente rappresenta ancora l`hub principale del vino italiano in Asia. La scommessa con il mercato cinese, i cui margini di espansione sono evidenti, ma, per il momento, altrettanto evidenti sono le sue criticità, è per il 28% delle imprese del vino italiano decisamente performante. Conferme di vitalità commerciale dal Nord Europa (per il 23% del campione) e dalla Germania, altro storico mercato per le etichette tricolori che resta fondamentale per il 19% delle aziende. L`Asia, nel suo complesso, offre buone performance commerciali per il 9% delle cantine sondate da WineNews, insieme alla Gran Bretagna, ma, forse, specie nel recente passato, un po` meno vivace. Passando ai meno "soddisfatti", sono il 19% le aziende vinicole che hanno dichiarato una stabilità previsionali dei propri fatturati sul 2011 mentre sono il 5% quelle che invece prevedono una chiusura 2012 in flessione anche se leggera e, con la medesima percentuale, quelle che denunciano un "sentiment" negativo verso quello che accadrà nel 2013. Ancora una percentuale del 5% è quella delle cantine che ha registrato una flessione nelle esportazioni, quantificabile in un -10% sul 2011.

A causare questo rallentamento, gli scambi commerciali con la Germania (23%), con il Nord Europa e la Gran Bretagna (14%), con l`Australia, il Nord America e la Svizzera (9%).

 

Fonte AGI

 


16/01/2013

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS