Sei in: Mondo Horeca | Attualità
Bitcoin: se non hai spicci, la birra la paghi in moneta virtuale

Succede a Londra, al pub The Pembury Tavern. Si tratta di Bitcoin, un sistema di crypto-currency ideato da Satoshi Nakamoto nel 2009.

bitcoin-image.jpg

Divenuto in pochi anni un fenomeno di rilevanza mondiale, come è accaduto con Paypal, Bitcoin è oggi il metodo di pagamento che Mister Early, proprietario del The Pembury Tavern, ha adottato in tutta la sua catena di pub. Infatti, i suoi clienti alla cassa possono scegliere di pagare la birra in Bitcoin accedendo al loro portafoglio virtuale. Fino ad ora ne ha vendute per un valore di ben 800 sterline.

 

I pionieri di questo innovativo sistema di pagamento, però, sono stati i berlinesi che, non solo nei bar, anche nei nogozi di dischi hanno spinto l`iniziativa. Tutto quello di cui si ha bisogno è un PC per creare il famoso portafoglio virtuale, accedendo ad una peer-to-peer, ovvero una rete di computer che condividono le proprie risorse. Ma pagare in Bitcoin non è certo sicuro... infatti, non a caso è soprannominata la moneta della frode internazionale, questo perchè non è soggetta ad alcun controllo o protezione, come accade nel caso di una banca. La Banca Centrale Europea a tal proposito ha sottolineato che i rischi legati a questo sistema sono, soprattutto, quelli di perdere l’intero valore monetario.


28/06/2013

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS