Sei in: Locali & Professioni | Bar e locali serali
L’happy hour made in Italy

happy-hour.jpgSicuramente l’happy hour è un’abitudine talmente radicata da non tramontare ancora nonostante il tempo e le tendenze: dagli anni ’90 s’è diffuso pian piano, con un picco nel 2000, dando molto da fare, e da guadagnare, ai barman. Oggi, invero, non si può più parlare di “hour” al singolare, perché questo aperitivo s’è evoluto e declinato di anno in anno in modi diversi. La prima cosa che si è trasformata è la fascia oraria: l’aperitivo è diventato un momento di consumo che ha abbracciato molto più tempo, tre ore, dalle 18.30 alle 21.30.

Ma sono molte le trasformazioni che si sono succedute. Facciamo una breve sintesi delle caratteristiche del mondo dell’ “ora felice dell’aperitivo” made in Italy.

Una tendenza odierna ormai consolidata da un po’, è quella di abbandonare l’aperitivo al buffet prediligendo bevanda e piattini al tavolo. Questi ultimi, però, non sono più colmi solo di pizzette, olive e arachidi, ma diventano, in vassoi e coppette di designer, un trionfo di leccornie.

L’appetizer si evolve e recupera in stile moderno la tradizione gastronomica italiana: la focaccia della nonna diventa finger food, il tramezzino o la crocchetta lasciano il posto a piccoli mignon fatti di ingredienti tipici e di alta qualità, prosciutti, salami, insaccati, assaggini di formaggi, mini porzioni di ricette della tradizione, da prendere con le mani, buoni da leccarsi le dita.

E sulla scia della tradizione culinaria ci si inventa, e si propone con buon successo, l’aperitivo a tema, magari articolando le serate sulla produzione regionale. Immaginate già al tavolino formaggi, pane carasau e vini sardi, e le sere a seguire pizza di cipolle e vini pugliesi, o ancora lo spritz con bocconcini a base di asparagi bianchi veneti. L’Italia si gira a tavola e si gusta in un bicchiere, ma anche tutto il mondo può entrare nell’happy hour. Così si può prendere in prestito il patrimonio di tantissime culture gastronomiche.

Ma l’happy hour è soprattutto bere qualcosa di buono e inedito, che apre lo stomaco e stuzzica l’appetito.

Oggi va per la maggiore la miscelazione, il preparare cocktail riscoprendo le basi tradizionali come rum, vodka, bitter, vermouth.

Tra gli aperitivi più richiesti ci sono due icone: una tutta italiana, lo spritz veneto, l’altro esotico, il mojito.


02/08/2011

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
HORECA DISTECH
Master Fuori Casa
Feed RSS