Sei in: Birra | Birra News
Con il caldo la carta delle birre si rinnova

Arriva arriva l’estate! Per i produttori e i gestori di locali il cambio di stagione più significativo per la birra riguarda proprio il passaggio dalla primavera all’estate. Infatti, è nel trimestre estivo che si concentra la metà circa dei consumi annuali e se è vero come è vero che la birra viene considerata dal consumatore medio italiano una bevanda dissetante o quanto meno rinfrescante, ecco che già si capisce dove andiamo a parare.

insalata-birra.jpg

Eh, sì, l’estate è la stagione dei consumi di birre fresche, leggere. Atte a placare la sete e a far percepire sensazioni di frescura dopo una bella sorsata. Entrando nello specifico, possiamo affermare che in generale le birre meno alcoliche vanno bene per l’estate. E questo lo sapevano perfino i Greci che, quando da metà luglio a metà agosto assistevano ai giochi olimpici, lasciavano da parte il vino e per legge bevevano soltanto la birra. Tra l’altro si trattava della più leggera importata dall’Egitto. Attenzione però alle temperature di servizio! Esiste una regola non scritta che suggerisce di abbassare le temperature di ½ grado per rendere la birra più rinfrescante. Stiamo però attenti a non esagerare, poiché una temperatura troppo bassa, soprattutto per le birre di bassa fermentazione, ci porterebbe a perdere parte delle caratteristiche olfattive e gustative, in quanto il freddo inibisce in una certa misura aromi e gusto.

 

In natura tutto ha le sue regole e come per la birra si preferisce meno alcol, che invece di dissetare farebbe solo sudare troppo producendo un effetto indesiderato, anche nei cibi si scelgono cose più fresche, meno elaborate, più leggere di grassi. Insomma, con il caldo si ama mangiare e bere senza appesantirsi. Ecco allora che si predilige verdura, formaggi freschi, pesce alla griglia, carne magra e frutta. A questa regole non fa eccezione la pizza, che rimane sempre graditissima anche in estate. Lo sanno bene gli americani che ne consumano 13 kg pro capite l’anno contro i 7 kg degli Italiani (dati forniti dal libro Napoli e la Pizza). Ovviamente si scelgono farciture meno elaborate: un esempio è la pizza ai fiori di zucca, o con gli asparagi, con il pesto di basilico o con quello di pistacchi, o la semplice pomodorini e rucola fresca.

 

E le Birre? Largo a Lager, Pils, Biére Blanche e Weinzenbier e alle meno conosciute Saison, che, diversamente da Weizen e Bière Blanche tendono a un deciso amarognolo e danno un’alternativa all’acidulo. Si tratta di birre ambrate ad alta fermentazione che sembrano essere un’efficace alternativa alle Pils e alle Lager chiare. Della serie: per il consumatore che non si accontenta. Meditate gente! Meditate!

 

 

Unibirra

Fonte Pizza&core


09/08/2013

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS