Sei in: Mondo Horeca | Attualità
Iva: dal 21 al 22% anche su food e beverage

È ufficiale. A partire da oggi l`Iva passa dal 21% al 22% e a risentirne, come sempre, saranno i carrelli della spesa. Infatti, l’innalzamento dell’aliquota si sentirà, soprattutto, nel settore dei prodotti alimentari e del beverage: dalle bevande gassate ai superalcolici, dai spumanti alla birra, dai succhi di frutta al vino, fino all’acqua minerale.

iva-al-22.jpg

È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulle principali voci della spesa alimentare interessate dall’aumento dell’Iva dal 21 al 22%. La maggioranza dei prodotti alimentari di largo consumo come frutta, verdura, carne, latte e pasta sono esclusi dagli aumenti, anche se potrebbero risentire degli effetti dell’aumento dell’aliquota Iva sui carburanti poiché - sottolinea la Coldiretti - ben l’88% della spesa viene trasportata su strada.

 

Ad essere soggetti al rincaro vi sono anche i tabacchi, l`abbigliamento e le calzature (compreso noleggio e riparazioni abiti e calzature), il settore mobili, gli articoli e i servizi per la casa (compresi tappeti e biancheria), gli elettrodomestici, gli utensili e gli attrezzi da giardino, tutto il settore dei beni e servizi della persona (parrucchiere e trattamenti di bellezza), il settore orologeria, gioielli e articoli da viaggio (borse e valigie).

Inoltre, subiscono l`aumento i servizi legali e di contabilità, prodotti per animali e veterinari, articoli da giardinaggio, servizi di telefonia e fax, apparecchi audiovisivi, informatici, fotografici e cinematografici, apparecchi di ricezione, registrazione, riproduzione di suoni e immagini, strumenti musicali, giochi, servizi sportivi, parchi divertimento, lezioni e corsi per attività ricreative, stabilimenti balneari, articoli di cartoleria e da disegno. Infine, nel settore mezzi di trasporto avranno un aumento dell`Iva l`acquisto di automobili, di motocicli e di biciclette ma anche i pezzi di ricambio e gli accessori.

 

A preoccupare è però in generale - conclude la Coldiretti - l’effetto negativo dell’imposta sul potere d`acquisto degli italiani con una riduzione dei consumi che rischia di alimentare la spirale recessiva in cui si trova attualmente il Paese.


01/10/2013

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS