Sei in: Locali & Professioni | Arredi e attrezzature
Bollicine Community. Bilancio 2016, la Community di Bollicine non smette di crescere

bollicine.jpgFOOD. Il 2016 ha dato il benvenuto a piccole e medie Aziende, di cui alcune trattano principalmente il Food (secco, fresco, surgelato, lavorazioni). Il che induce un arricchimento in termini di best practice anche per il mondo Beverage. Si pensi ad esempio ai modelli di picking e alla gestione dei lotti e delle delicate normative sottese.

Non solo. La capacità di Bollicine di operare nel canale consumi fuori casa a prescindere dalle merceologie trattate, da una parte ne testimonia la qualità, dall’altra  aumenta il  bacino di utenti potenziali e, di conseguenza,  le risorse finanziarie necessarie alla crescita delle applicazioni a vantaggio di tutta la Community.

 

MOBILE. Il 2016 è stato l’anno della mobile. Non sarebbe una notizia, visto che da anni le vendite di dispositivi mobile non smette di crescere. In realtà, la novità consiste nel decisivo incremento dell’uso professionale di queste tecnologie. I segnali sono visibili anche nella Community di Bollicine. Da una parte continua a crescere la richiesta dell’APP (BcGo) dedicata alla forza vendita (abbiamo superato le 1.200 installazioni), dall’altra comincia ad essere significativo anche il numero delle installazioni dedicate ai Consegnatari (GeCko). È invece ancora modesta la richiesta dell’APP dedicata ai Tecnici. Tuttavia, il fatto che siano aumentate le richieste da Operatori che di mestiere curano gli impianti di terzi dimostra che il prodotto (WorkerBee) c’è ed è performante.  Infine, con il 2017 inizieremo l’istallazione di BCFrog, l’APP data in uso gratuito alla propria clientela per la l’invio degli ordini.

 

CAMBIO GENERAZIONALE. Oggi l’età media di un distributore è 68 anni, ma purtroppo il cambio generazionale rappresenta spesso un pericoloso ostacolo. Le ragioni sono diverse: le modeste prospettive di guadagno; situazioni societarie ingessate; la tendenza a considerare l’azienda una propria creatura e le difficoltà a delegare che ne consegue. Difficoltà che fatalmente si ribaltano nei rapporti a monte (fornitori) e a valle (clienti). La ragione è che in entrambi i casi i riferimenti sono sempre più spesso giovani e la complessità della comunicazione può diventare un serio problema, per un mestiere che si basa sulla relazione, sulla condivisione di argomenti e valori che superano le questioni strettamente professionali. Ma anche la diversa propensione all’uso della tecnologia sta gradualmente diventando un severo ostacolo. In effetti, il cambio generazionale non è da intendersi unicamente come passaggio del testimone ai propri figli, ma più in generale come la revisione dei modelli di conduzione della propria azienda. Ovviamente sono considerazioni fatte con l’accetta, ma si arriverà al punto in cui l’evoluzione, incluso quella tecnologica, non sarà rimandabile per le aziende che vogliono restare sul mercato. D’altronde, la capacità di adattarsi al nuovo è la qualità che ha permesso alla categoria di sopravvivere e rafforzarsi in un mercato che (dal 1950) di cambiamenti ne ha vissuti davvero tanti.  E, Il 2016 lo conferma. Infatti, come dicevo, sta gradualmente aumentando  la richiesta di APP dedicate ai Consegnatari, ai Tecnici e al proprio parco Clienti.

frog.jpg

È la nuova APP data in uso gratuito alla propria clientela, per gli ordini e le promozioni. Per comprendere appieno questa opportunità, è fondamentale scomporre in due momenti l’attività dell’Agente: la proposta argomentata di nuovi prodotti e promozioni (a nuovi e vecchi Clienti); la presa di ordini ripetitivi (in termini numerici, occupa la maggior parte del tempo e rappresenta la parte preponderante del flusso ordini). Diversi Grossisti ritengono che fornire un’APP ai propri Clienti potrebbe ridurre (a vantaggio di entrambi) le problematiche che caratterizzano la gestione degli ordini ripetitivi (tempi di attesa mentre il gestore serve i clienti, etc.).

 

La convinzione è che i Clienti che ordinano con frequenza siano nelle condizioni (ed abbiano l’interesse) di fruire del nuovo servizio. In effetti, alla fine del turno, solitamente viene fatto l’inventario della merce da ordinare. Ma succede anche che venga improvvisamente in mente il bisogno di merce mentre si sta facendo tutt’altro. Anziché utilizzare bigliettini volanti, BCFrog consente di annotare man mano le voci sullo smart phone e, al momento opportuno, inviare l’ordine all’Agente. A sua volta, l’Agente potrà giralo alla Sede dopo averlo controllato ed eventualmente modificato. Il modello descritto consente: di ridurre i tempi di ricezione degli ordini; abbreviare i tempi di consegna; decongestionare le attività di picking; ripensare il piano delle visite; sollecitare il gestore con la comunicazione diretta delle promozioni, con la certezza di una tempestiva e corretta comunicazione.


16/02/2017

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
HORECA DISTECH
Master Fuori Casa
Feed RSS