Sei in: Home | Vi suggeriamo
I cocktail di Leo Robitschek

Leo-Robitschek-foto-di-Francesco-Tonelli.jpg

Direttore e regista scrupoloso dello svolgimento di ogni attività di bar e con il team di Make It Nice sin dal 2005, il gruppo di ristoranti guidati dallo chef stellato Daniel Humm e dal ristoratore Will Guidara, Leo Robitschek ha svolto un ruolo significativo nello sviluppo dell`ambizioso programma dei cocktail in entrambe le proprietà newyorkesi della compagine imprenditoriale, l`Eleven Madison Park e il NoMad, oltre al NoMad New York e al NoMad Los Angeles.

Originario del Venezuela, ha iniziato a lavorare nel settore dell`ospitalità durante il periodo degli studi presso l`Università di Miami, ma solamente dopo essersi trasferito a New York City ha perfezionato ogni tecnica del mestiere divenendo uno tra i più apprezzati barman internazionali del comparto. Prima di unirsi al team dell`Eleven Madison Park, circa dieci anni or sono, ha contribuito a reinventare il programma dei cocktail del ristorante e nel 2009 ha conseguito la qualifica di capo bartender. Con un approccio che ha messo in rilievo l`equilibrio, i migliori ingredienti e la tecnica raffinata, il programma cocktail ha evocato gli stessi standard elevati della cucina dello chef tristellato Daniel Humm.

Dalle aperture del NoMad e dell`Elephant Bar nel 2012, a seguire del NoMad Bar nel 2014, Leo Robitschek e il suo team hanno ricevuto numerosi Tales of the Cocktail Spirited Awards, il James Beard Award per l`Outstanding Bar Program e dal 2014 sono stati inseriti nella prestigiosa lista World`s 50 Best Bar. Leo Robitschek è inoltre l`autore del NoMad Cocktail Book che compare all`interno del Cookbook di NoMad.

La programmazione disinvoltamente elegante dei cibi e delle bevande del ristorante del NoMad è frutto delle competenze maturate nel settore dallo chef stellato Daniel Humm e dal socio Will Guidara. Ispirata dalle esperienze trascorse dallo Chef Daniel Humm in tutta la Svizzera, la California e la città di New York, la filosofia culinaria affonda le sue radici nelle stesse tradizioni riscontrabili nel loro apprezzato tre stelle Michelin, Eleven Madison Park, considerato il più ambito di New York e in vetta alla classifica dei migliori ristoranti del mondo. 

 

 

Walter-Gibson-by-Leo-Robitschek-foto-di-Nathan-McCarley-ONeil.jpgWalter Gibson

Ingredienti:

  • 1 bar spoon di sciroppo di ananas e gomma arabica
  • 0,25 once di Apple Brandy
  • 0,5 once di Moulin Touchais 1994
  • 0,5 once di Dolin Vermouth Blanc
  • 0,5 once Dolin Vermouth Dry
  • 0,5 once di Old Raj Blue Gin
  • 1 oncia di Edinburgh Seaside Gin
  • 1 oncia di Absolut Elyx Vodka 

Strumenti: cucchiaio da bar, colino

Bicchiere: coppetta da cocktail

Decorazione: cipollina in agrodolce

Metodo: Mescolare gli ingredienti con ghiaccio per raffreddare, quindi filtrare in una coppetta da cocktail fredda. Guarnire con una cipollina in agrodolce.

 

 

Eva Kottrova

Spumarche.com

 

Immagine fotografica ritraente Leo Robitschek: © Ph. Francesco Tonelli

Immagine fotografica del Cocktail Walter Gibson: © Ph. Nathan McCarley-O`Neill


02/05/2018

Torna SU ↑



Home | Per saperne di pił
Nessuna informazione disponibile per la sezione indicata

MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS