Sei in: Locali & Professioni | Ristoranti, Pizzerie
Ristorazione. Le tendenze delle prime settimane di riapertura da TheFork Italia

Entusiasmo e prenotazioni in crescita. Ecco le prime settimane di riapertura dei ristoranti con i trend rilevati da TheFork. I ristoranti italiani con spazi all’aperto sono tornati ad accogliere il pubblico da appena tre settimane e già si percepisce un sentimento generale di entusiasmo e ottimismo. Con il 46% dei ristoranti riaperti, il settore della ristorazione sta riprendendo pian piano la sua attività. In questo contesto TheFork, piattaforma leader per la prenotazione di ristoranti online, ha rilevato i maggiori trend di questi giorni.

horeca-news-ristorante-1.jpg

Con l’allentamento del coprifuoco grazie alle prenotazioni dalle 21 in poi, si può stimare un aumento dei coperti del 35%, destinato a crescere con le riaperture al chiuso dal primo giugno. Dal punto di vista dei consumatori, la voglia di tornare a vivere esperienze al ristorante è fortemente presente: nella settimana appena conclusa rispetto ai primi 7 giorni di riapertura si è osservato un aumento delle prenotazioni in Italia pari al 36% e sono il 75% in più rispetto a maggio 2020. La crescita delle prenotazioni dal 26 aprile a oggi è più marcata in Piemonte, dove sono aumentate del 62%, seguito dalla Lombardia con un aumento del 48%. Anche in altri paesi europei il trend è positivo: nelle ultime settimane le prenotazioni su TheFork sono cresciute del 44% in Regno Unito, del 23% in Svizzera e del 10% in Spagna.

 

I clienti vogliono essere certi di trovare un tavolo, anche vista la capienza limitata dei ristoranti: nel 2019 si prenotava mediamente 3/4 ore prima dei pasti, mentre dal 26 aprile a oggi i clienti hanno prenotato mediamente 19 ore prima. Inoltre ci si adegua alle restrizioni: avendo tempo limitato per la cena, il pranzo è largamente cresciuto. Nel 2019 rappresentava il 19% delle prenotazioni, oggi il 53%.

Anche i giorni della settimana preferiti per uscire cambiano: in generale il weekend rimane cruciale ma le prenotazioni si sono distribuite durante la settimana ad esempio dalla riapertura il mercoledì è stato scelto come giorno per mangiare fuori il doppio rispetto al passato.

Per quanto riguarda il budget, rimane simile al periodo pre-covid: dalla riapertura il 35% delle prenotazioni viene effettuato in ristoranti dove il prezzo medio è compreso tra 30€ e i 40€ euro. Nel 2019 questa fetta rappresentava il 30%.

 

Uno dei fenomeni che maggiormente bisogna evitare in questo momento sono i no-show, ovvero non onorare la prenotazione:

«È davvero positivo per il settore vedere che immediatamente dopo l’annuncio della riapertura gli utenti si sono precipitati a prenotare le loro prossime esperienze al ristorante. La voglia di mangiare fuori c’è e anche di tornare alla normalità pre-pandemia. Un fenomeno da evitare assolutamente in questo delicato momento sono i no-show ovvero la mancata presentazione. Prenotare un tavolo e non cancellare in caso non ci si possa presentare, ha un enorme impatto sul settore, senza contare che si rischia di aver rubato l’esperienza a qualcun’altro considerata la capienza limitata. TheFork ha lanciato per questo una campagna di sensibilizzazione con Fipe e Apci per contrastare il fenomeno dei no-show in questo momento di ripresa» ha spiegato Damien Rodière, a capo di TheFork in Italia.


Il tasso di no show delle ultime settimane si è attestato al 2,9%, percentuale in linea con lo stesso periodo del 2019. Un risultato possibile grazie all’impegno di TheFork che combatte i no-show con un piano d’azione supportato da misure concrete ed efficaci come:

  • Invio di promemoria e sensibilizzazione tramite e-mail e sms;
  • Cancellazione con un clic in e-mail, sms e avvisi push;
  • Creazione di un indicatore di affidabilità del cliente in TheFork Manager – il software per la gestione delle prenotazioni di TheFork
  • Prenotazione con carta di credito a garanzia per alcune categorie di ristoranti

Questi strumenti hanno consentito di ridurre complessivamente del 31% la percentuale di no-show e tra i clienti no-show che prenotano tramite TheFork, il 90% non ha ripetuto il no-show nei successivi 6 mesi. Per sensibilizzare ulteriormente gli utenti a evitare no-show e cancellazioni tardive TheFork si è unita anche ad APCI e Fipe in una campagna di comunicazione volta a informare i clienti dei ristoranti a proposito dei danni provocati da questo tipo di comportamento.

 

 

 

TheFork, brand di Tripadvisor® è la principale piattaforma per le prenotazioni online di ristoranti. La missione di TheFork è mettere in contatto utenti e ristoranti, con una rete di quasi 80.000 ristoranti partner in tutto il mondo. Con 22 milioni di recensioni e 28 milioni di download della sua app, TheFork è diventata la soluzione più smart per prenotare un tavolo! Attraverso TheFork (sito e app), così come su Tripadvisor, gli utenti possono facilmente selezionare un ristorante in base alle loro preferenze (per esempio localizzazione, tipo di cucina e prezzo medio), consultare le recensioni degli utenti, controllare la disponibilità in tempo reale e prenotare immediatamente online 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Per i ristoranti, TheFork fornisce un software, TheFork Manager, che consente di ottimizzare le prenotazioni e le operazioni, e di migliorare servizio e ricavi. La piattaforma opera in 22 paesi come “TheFork” in Francia, Italia, Paesi Bassi, Belgio, Svizzera, Portogallo, Regno Unito, Danimarca, Germania, Austria, Svezia, Finlandia, Norvegia, Australia, Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Messico, Perù e Uruguay, e come “ElTenedor” in Spagna.

 

 

 

Fonte Horecanews.it


21/05/2021

Torna SU ↑



MONDOHORECA
Attualità
Opinioni, studi ed analisi
News e curiosità
BEVERAGES
Acque minerali
Bibite, Energy e Soft Drink, Succhi
BIRRA
Produttori ed etichette
Birra News
SPIRITS
Produttori e spirits
Barman e Bartender
VINI&Co.
Cantine ed etichette
Eno News
LOCALI&PROFESSIONI
Ristoranti, Pizzerie
Bar e locali serali
Arredi e attrezzature
FOOD
Prodotti
Pizza, appetizer, dessert
Gourmet
EVENTI
Fiere
Eventi
DIST. DI BEVANDE
Federazione
Consorzi
Distributori
MASTER FUORI CASA
Feed RSS